1. Home
  2. /
  3. Personaggi, storie, luoghi

Personaggi, storie, luoghi

È una storia di tradizione e modernità, fatta di persone, vicende e luoghi quella che racconta gli 800 anni dell’Ateneo. In uno stretto intreccio di relazioni, in otto secoli, Padova e la sua Università sono stati stato luogo di incontro, scambio, arrivo e partenza, punto centrale nella diffusione di cultura e conoscenza nel mondo.

Piave Futura, la storia
È stato firmato nel 2017 dal ministero della Difesa e dall’Università l’atto ufficiale per la cessione all’Ateneo dell’ex caserma Piave di Padova, dismessa nel 2015. L’ex complesso militare, che si sviluppa nel cuore storico della città tra Riviera Paleocapa e via Cristoforo Moro in un’area totale di 51.000 metri quadrati e 34.000 metri quadri di …
Palazzo Liviano
L’architetto milanese Gio Ponti, che già stava lavorando a stretto contatto con il rettore Carlo Anti al rinnovamento di palazzo Bo, nel 1934 si aggiudicò il concorso
Prima del Bo: l’acquisizione dell’Hospitium Bovis
Dalla fondazione dello Studio e per tutto il XV secolo, le lezioni non si tenevano in una sede stabile, ma era invece compito dei professori provvedere a rendere disponibili spazi consoni
Antonio Albanell Agustín
(Saragozza 1517 – 1586 Tarragona) Storico del diritto romano e canonico spagnolo Figlio di Antonio Augustìn, vicecancelliere di Aragona e consigliere di Ferdinando il Cattolico e Carlo V, iniziò i suoi studi a Salamanca. Alla fine del 1532 passò a Bologna, dove fu allievo di Andrea Alciato. Si trasferì a Padova nel 1537 e vi …
Il Caffè Pedrocchi
È il 1772 quando il bergamasco Francesco Pedrocchi apre a Padova una bottega del caffè
Le leggi razziali colpiscono l’Università di Padova
“Compio il dovere di avvertirvi che in base all’art. 3 del Regio Decreto – Legge 5 settembre 1938 – XVI, n. 1390, recante ‘Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola fascista’, a datare dal 16 ottobre corrente siete sospeso dal servizio”
Alessandro Maurocordato
(Phanar, Costantinopoli 1636/1641 – 1709/1710) Medico, gran dragomanno della Porta greco Figlio di Nicola, mercante di seta, e di Roxana Beglitzi, nacque in una famiglia bizantina originaria di Chio. Dopo gli studi presso il collegio greco di Roma, nel 1660 si immatricolò al secondo anno di medicina e filosofia presso l’università artista patavina; la sua …
Il protezionismo scolastico veneziano
Fin dal passaggio di Padova alla Serenissima, questa impose una sorta di “protezionismo” scolastico in favore del suo Studio.
Nel Trecento, nuovi episodi di migrazione studentesca da Bologna
Dopo la diaspora duecentesca, nel corso del Trecento (soprattutto nel 1306 e nel 1321) una serie di migrazioni di studenti dall’Università di Bologna allo Studio padovano, portarono a quest’ultimo non pochi vantaggi.
János Sámboky
(Nagyszombat, Trnava 1531 – Vienna 1584) Medico, storico, collezionista ungherese Figlio di Peter, che grazie ai suoi meriti durante la guerra contro i Turchi, ottenne dall’imperatore Ferdinando I un titolo di nobiltà e il ruolo di magistrato cittadino, János trascorse molta parte della propria esistenza presso la corte degli Asburgo. Iniziò la sua formazione nella …
Giovanni Battista Morgagni
(Forlì, 25.2.1682 – Padova, 5.12.1771) L’anatomista forlivese, noto per aver posto le basi della moderna anatomia patologica
Medaglia d’oro al valor militare
Il primo anno accademico di pace dopo la seconda guerra mondiale si aprì il 12 novembre 1945 alla presenza del capo di governo Ferruccio Parri che conferiva all’Università di Padova, unica tra gli atenei italiani, la medaglia d’oro al valore militare
Postnikov Petr Vasil’evič
(1676-1716) Russian doctor, diplomat Figlio di Vasilij Tomofeevič, diplomatico di rango, frequentò l’Accademia slavo-greco-latina di Mosca. Nel 1692 venne inviato all’estero, a carico dello stato, per seguire corsi di medicina. A Padova trovò alloggio nella casa di Nicolò Comneno Papadopoli. Si laureò in medicina e filosofia nel 1694 in Collegio veneto; rimase in città almeno …
Bepi Colombo
Giuseppe Colombo, conosciuto come Bepi (Padova, 2 ottobre 1920 – Padova, 20 febbraio 1984) è stato un matematico, fisico, ingegnere e un astronomo, che in passato con i suoi studi ha dato importanti contributi allo studio del pianeta. Fu lui a dimostrare la correlazione tra periodo di rotazione e periodo di rivoluzione di Mercurio. Fu sempre Colombo, …
8 febbraio 1848
In un clima di forte tensione politica che nei primi mesi dell’anno sembra coinvolgere regimi e governi in più parti d’Italia e d’Europa, anche a Padova comincia a farsi sempre più forte un certo sentimento anti asburgico che lega studenti e cittadini
Giuseppe Tartini
(Pirano, 8.4.1692 – Padova, 26.2.1770) Acclamato come “maggior compositore dei suoi tempi”, Tartini viene spesso associato al racconto che ne fa l’astronomo Joseph Jérôme de Lalande
Jan Krtitel Boháč
(Zinkovy, Nepomuk 1724 – 1768 Praga) Naturalista, medico e zoologo boemo Dopo una iniziale formazione in ambito familiare, nel 1741 intraprese gli studi medico-filosofici a Praga presso l’Università Carolina. Concluso nel 1746 il primo ciclo di studi, intraprese un viaggio che lo portò a visitare diversi Atenei europei. Raggiunta Venezia, passò per Padova, ed ebbe …
Scuola Galileiana di Studi Superiori
Istituita a Padova nel 2004 in collaborazione con la Normale di Pisa, la Scuola Galileiana di Studi Superiori nasce con l’intento di sviluppare una cultura universitaria di eccellenza e prestigio
L’Orto Botanico
Edificato con grande probabilità su progetto dell’architetto Andrea Moroni, l’Orto medicinale viene creato sulla base di una struttura circolare con un quadrato inscritto e, a sua volta suddiviso in quattro quadrati più piccoli, da due viali perpendicolari. Al suo interno, alcune aiuole formano disegni geometrici diversi l’uno dall’altro. Nel 1552, a causa dei continui furti …
L’Orto agrario
Fino al XVIII secolo, a Padova la coltivazione e lo studio delle piante erano inizialmente oggetto di esclusiva competenza dell’Orto botanico, fondato già nel 1545.
La Specola, da prigione a osservatorio
Quando Galileo Galilei, a Padova fra il 1592 e il 1610, osservava il cielo con il cannocchiale, non lo faceva certo dalla torre della Specola
Palazzo Cavalli
Già pochi anni dopo la sua edificazione salito agli onori di cronaca per l’efferata uccisione di Vittoria Accoramboni, Palazzo Cavalli fu eretto alla metà del XVI secolo dall’omonima famiglia, che lo abitò per oltre due secoli. La struttura cinquecentesca mostra un’equilibrata distribuzione degli ambienti, che si corrispondono tra il primo e il secondo piano, dove …
Jean Prévost
(Delémont 1585 – Padova 1631) Botanico medico svizzero   Figlio di Thiébaud, inizialmente si dedicò a studi umanistici e filosofici, ma giunto a Padova nel 1604, nel corso di un viaggio di studio, frequentò le lezioni di medicina nello Studio rimanendo particolarmente colpito da quelle di Ercole Sassonia. Decise quindi di dedicarsi alla medicina e …
Francesco Guccini
Incontri al Bo, 5 marzo 2004 con Francesco Guccini (Modena, 1940) e Giorgio Tinazzi
Emanuele Sciascian
(Costantinopoli 1775-1858) Medico armeno Figlio di Boghos, celebre medico armeno, studiò a Venezia presso i padri mechitaristi. Si iscrisse poi a Padova dove si laureò in medicina. Fece ritorno a Costantinopoli e intraprese una brillante carriera presso la corte, divenendo medico personale del sultano Abdul Medjid. Nel 1832, in occasione di un’epidemia di colera, per …
Gabriele Falloppio o Falloppia
(Modena, 1523 – Padova, 9.10.1562) Inizialmente avviato alla carriera ecclesiastica, Gabriele Falloppia fin da giovane si dedica agli studi di medicina e anatomia, che pratica da autodidatta.
Thomas Bartholin
(Malmö 1616 – Copenhagen 1680) Medico anatomista danese Figlio dell’anatomista Caspar Bartholin, nel 1640 partì per una peregrinatio medica dapprima in Francia poi in Italia. A Padova soggiornò dalla fine del 1640 all’ottobre del 1643. Il 3 novembre 1641 si immatricolò nella natio Germanica artistarum, di cui fu consiliarium, ricoprendo anche la carica di sindaco …
Torquato Tasso
(Sorrento, 11.03.1544 – Roma. 25.04.1595) Da Sorrento, si trasferisce ancora bambino a Roma per raggiungere il padre poeta, Bernardo, e per spostarsi con lui successivamente a Bergamo, Pesaro, Urbino e Venezia.
Girolamo Fabrici d’Acquapendente
(Acquapendente, 1533 – Padova, 21.05.1619) Girolamo Fabrici d’Acquapendente arriva a Padova dalla provincia di Viterbo attorno al 1550 e qui, dopo pochi anni, consegue il dottorato in medicina (1559). A seguito della morte del suo maestro Gabriele Falloppia, nel 1565, viene nominato nello Studio di Padova docente di chirurgia con l’obbligo di insegnare anche l’anatomia. …
Arturo Martini
(Treviso, 11.08.1889 – Milano, 22.03.1947) Arturo Martini nasce a Treviso nel 1889 da una famiglia di umilissime condizioni
1 2 4