Gli anni Duemila

L’università del nuovo millennio è sempre più orientata all’internazionalizzazione, allo sviluppo della ricerca, alla specializzazione delle competenze e alla diversificazione dell’offerta formativa. Dal 2012 anche l’Ateneo di Padova, seguendo le direttive del Ministero della pubblica istruzione, predispone un riassetto amministrativo-didattico globale con la soppressione delle facoltà, l’affidamento della didattica ai..Leggi di più

Leggi tutto

Il Novecento

Al volgere del secolo l’Ateneo riacquista una proiezione internazionale e investe nella costruzione di un primo quartiere dedicato alle scienze. Dopo la battuta d’arresto dovuta alla prima guerra, durante la quale molti studenti e docenti lasciano gli studi per le armi, nel ventennio fascista proliferano i nuovi edifici: l’istituto di..Leggi di più

Leggi tutto

L’Ottocento

L’Ottocento si apre con la caduta della Repubblica di Venezia (1797) e con le armate francesi insediate negli ex domini veneziani tra cui Padova dove, fino al 1813, si alternano il regime giacobino, austriaco e italico. Con il decreto napoleonico di Saint-Cloud, del 1806, l’Università di Padova viene eguagliata a..Leggi di più

Leggi tutto

Il Settecento

Nel corso dell’ultimo secolo “veneziano” vengono attuate una serie di riforme sul piano della didattica, con la creazione di nuove cattedre in campo giuridico (come diritto pubblico) e scientifico (scienza agraria), o nella medicina (alcune cliniche medico chirurgiche, ginecologia, pediatria, medicina del lavoro). L’Università si amplia, grazie alla conversione dell’antica..Leggi di più

Leggi tutto

Il Seicento

Nel corso Seicento le immatricolazioni degli studenti aumentano fino a superare il migliaio; nell’ultimo scorcio del secolo gli artisti diventano il doppio dei giuristi. Nella Sala dei Giganti viene stabilita la prima biblioteca universitaria italiana. Nei primi 10 anni del Seicento Galileo Galilei insegna e risiede a Padova; in questo..Leggi di più

Leggi tutto

Il Cinquecento

Il Cinquecento si apre per l’Università di Padova con l’interruzione della maggior parte delle attività. Gli anni della guerra di Cambrai (1508-1516) trasformano infatti Padova, per il suo fondamentale ruolo strategico e logistico nelle operazioni di difesa e riconquista della Terraferma da parte dei veneziani, da ‘città degli studi’ a..Leggi di più

Leggi tutto

Il Quattrocento

L’inizio del Quattrocento segna la distruzione della Signoria dei Carraresi e l’avvento del dominio di Venezia, che conquista la città con le armi nel 1405. Da questa data fino alla caduta della Repubblica, nel 1797, lo Studio di Padova è l’unico centro universitario nei territori della Serenissima. Nella convinzione che..Leggi di più

Leggi tutto

Il Trecento

All’inizio del Trecento Padova raggiunge la fase di maggior splendore della sua storia indipendente, e docenti di tutta Europa la scelgono come meta: nel 1305 dallo Studio di Parigi viene chiamato a Padova il filosofo, medico e astrologo Pietro d’Abano, figura di spicco della medicina medievale. Tra i suoi successori,..Leggi di più

Leggi tutto

Il Duecento

Anche se a Padova l’attività di studio e ricerca era già praticata da molti anni, il 1222 è riconosciuto come l’anno di fondazione della sua Università. A quel momento risale, infatti, la prima registrazione notarile di una regolare organizzazione universitaria patavina, lo Studium Patavinum. Sorta senza previa autorizzazione da parte..Leggi di più

Leggi tutto